• ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

  • ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

ASPER

Associazione per la Tutela dei Diritti Umani del Popolo Eritreo

-

NIGRIZIA : Eritrea, un paese alla deriva ( di Gebremariam Tekeste)

Eritrea, un paese alla deriva
Ghebremariam Tekeste

Un grido di dolore per una nazione che è ormai al collasso. Pubblichiamo alcuni stralci di un toccante testo che ci arriva dall’Eritrea, comprese due brevi testimonianze, raccolte dall’autore. Tutti i nomi, compreso quello dell’autore, sono fittizi.
Hayat, 21 anni . Mi sono rifiutata di fare il servizio militare. Le mie amiche mi avevano raccontato i problemi che le ragazze devono affrontano: lavori pesanti, molestie sessuali, violenza, discriminazione.
Il mio fidanzato si trova in Norvegia e mi chiese di andare a Khartoum.’ ci avrebbe pensato lui a prepararmi i documenti.
Riuscii a falsificare la mia carta d’identità e un permesso di viaggio fino a Tesenei, al confine con il Sudan. Mi costarono $1500. Sfortunatamente al posto di blocco di Tesenei fui arrestata e messa in prigione. Restai per due mesi in una cella dove fui picchiata quotidianamente. Mi chiedevano di rivelare i complici che mi avevano aiutata a falsificare i documenti. Ero picchiata quotidianamente con bastoni e una frusta di cuoio. Tre volte hanno messo una candela accesa sotto la mia vagina per ottenere la confessione.
 
Dopo due mesi, quando mi fecero passare in una piccolo stanza con altre 10 ragazze, mi sentii meglio. Dopo una settimana confidenzialmente venni a sapere che due delle ragazze erano spie governative. Ci davano una tazza di tè e una zuppa di lenticchie al giorno. Dopo altri 5 mesi fui trasferita a Wia, un posto malfamato vicino a Massawa, per addestramento militare. Vi restai per altri 12 mesi in condizioni severe, dure. Alla fine tomai a casa. La dottoressa mi disse che, a causa dei colpi ricevuti ho bisogno di un immediate intervento chirurgico al seno destro e aggiunse che dubita che io possa avere dei bambini. Mi hanno rovinato la vita… (e scoppia in un pianto dirotto).
 
Agos, 31 anni. A Debre Zeit, in Etiopia, ho completato i miei studi di ingegnere meccanico aeronautico. Ho poi lavorato all’aeroporto di Addis per 5 anni. Quando scoppiò la guerra dei confini sono stato deportato dall’Etiopia in Eritrea. Mio padre, che era un etiopico, morì nel 1989. Ad Addis lasciai mia madre, due sorelle e la mia fidanzata. Quando raggiunsi Asmara andai da mio zio, felice d’essere ritornato in un’ Eritrea indipendente.
Dopo una settimana mi recai all’aeroporto dell’Asmara per cercare lavoro. Mi dissero di tornare dopo una  settimana. Al mio ritorno trovai una macchina ad aspettarmi che mi portò in prigione per ragioni totalmente sconosciute. Per tre mesi restai confinato in una cella. Non subii alcun interrogatorio. Poi mi misero assieme ad altri e vi rimasi per altri 18 mesi. Ancora nessun interrogatorio. Un giorno venne un ufficiale che mi disse di tornare a casa e mi ordinò dì non rivelare ad alcuno quello che era accaduto. Quando osai chiedere perché ero stato arrestato, mi fece riportare in prigione. Vi rimasi per altri 45 giorni. Quando fui liberato, mi fu dato lo stesso avvertimento. Io non aprii bocca e tomai da mio zio. Non conosco ancora il mio crimine. Ho perso la mia famiglia, ho perso il mio lavoro e desidero solamente ritornare ad Addis dove sono nato.
 
Lo smantellamento di un paese pieno di promesse
 
L’Eritrea è un paese senza peso nelle relazioni internazionali. Sorprende tuttavia per le sue assurdità, le sue contraddizioni e le sofferenze che vengono inflitte al suo popolo.
Ed è capitato proprio a me, un eritreo della diaspora. Sono rientrato in Eritrea dopo dieci anni e sono rimasto scioccato dagli stenti e dagli abusi a cui il popolo è sottomesso. Noi, eritrei in diaspora, veniamo a conoscere solamente i grandi eventi dalle prime pagine dell’opposizione. Quello che invece rende impossibile la vita al popolo sono gli abusi quotidiani del partito che è al potere, e che i media internazionali considerano semplicemente parte di una routine.
 
Durante la mia permanenza nel paese mi domandavo spesso se in Eritrea c’è un governo o è solo un individuo che lo amministra come proprietà privata. È ridicolo che un paese riconosciuto dalla comunità internazionale e membro delle Nazioni Unite, possa trasgredire leggi impunemente e commettere simili abusi. Come è possibile che ufficiali governativi possano rispondere, come è capitato a me: “Queste sono le nostre leggi; gli altri paesi non ci interessano”. E magari il
giorno dopo fanno il contrario. Non sono ne un politico ne un giornalista, ma un eritreo della diaspora che ha a cuore il suo paese e la sua gente; vorrei vedere posta la parola fine alle sue sofferenze. Scrivo solo per aiutare a creare un’opinione pubblica che faccia pressione per un cambiamento nel paese. Il popolo ha sofferto abbastanza. E questa situazione è tanto più dolorosa perché è provocata da quei fratelli e sorelle che abbiamo aiutato a raggiungere l’indipendenza. E’ un fatto: il partito di Isaiah Afeworki ha ridotto la nazione alla schiavitù, a uno stato di terrore e di lutto.
 
Una nazione che non c’è più

10137

Distribuzione di cibo in un campo profughi

Dal 1998 il popolo eritreo assiste, con disappunto e impotenza, a un graduale ma percepibile annientamento del suo paese. Il governo approfittò del conflitto sui confini con l’Etiopia per bloccare il commercio privato, paralizzare il libero mercato e ogni forma di proprietà privata. Industrie fiorenti, fabbriche, compagnie commerciali ed edili sono ridotte alla paralisi. E’ stato tolto il permesso di operare anche alle compagnie di importazione ed esportazione. E’ deprimente girare per la capitale Asmara e trovare praticamente vuoti botteghe e magazzini che una volta conoscevano l’abbondanza. Le aziende che hanno il permesso di funzionare sono solo quelle che appartengono alla Corporazione del Mar Rosso, la sezione economica del partito. Ma Corporazione del Mar Rosso, che ambiva di sostituire le industrie private e di assorbire la domanda di mercato, ha fallito nel suo obbiettivo di assicurare i beni di consumo sufficienti a soddisfare la domanda. Il risultato è evidente: penuria di pane, zucchero, olio, benzina, medicine, bevande d’ogni tipo, cereali, apparecchi elettronici, ecc. (…)

Per il popolo i beni di consumo scarseggiano; però farina, olio da cucina, zucchero, materiale elettronico, pezzi di ricambio per macchine, ecc. sono importati a basso costo dal governo e venduti in dollari a una tribù nomade del Sudan, i Rashaida, in un posto di confine chiamato Togolit o Transit. Si tratta di un vergognoso mercato nero che avviene a cielo aperto. (…)
E’ scioccante pure l’esistenza di una piantagione di chat, foglie di droga, illegale quindi ma appartenente al governo, nella zona di Anagule e Fagena, sulla strada per Filfìl-Solomuna. Questo scandalo venne alla luce solo nei mesi scorsi, ma iniziò ben quattro anni fa. Uno dei proprietari terrieri che vi coltivava il caffè mi confidò che dovette abbandonare la sua terra senza spiegazioni e senza compensi.
 
(…) I signori del partito e gli ufficiali dell’esercito, approfittando della situazione, vivono nell’abbondanza dentro le loro ville. Mi è stato detto di giovani del servizio civile che sono stati impiegati a costruire, gratis, ville e agenzie di commercio per i membri del partito e dell’esercito. Non c’è da meravigliarsi della corruzione in un paese come l’Eritrea, dove non esistono leggi, se non quelle che servono alla classe nel potere. La gente si domanda: dov’è finita la promessa d’uno splendido futuro? Dov’è la libertà per cui si è versato tanto sangue? Che tipo d’indipendenza ci è data dopo un’attesa di 30 anni?
(…)
Comunicazione sotto controllo
Il quadro politico e’ scoraggiante. La situazione cominciò a peggiorare nel 2000 durante e dopo il terzo periodo di ostilità con l’Etiopia. Il 18 settembre 2001, il giorno che i Gì 5 furono arrestati, la radio annunciò la chiusura della stampa privata: non restarono che i mass media dello stato, un quotidiano in tigrino, un settimanale in inglese, una stazione radio in FM e due canali di televisione.
Trasmettono ciascuna in lingua diversa, ma il loro contenuto è identico, letteralmente. Una volta ascoltata la radio, tutti gli altri mezzi sono superflui. ERINA, l’Agenzia Eritrea di Notizie, esercita un totale controllo sulle trasmissioni. Non c’è confronto con nessun altro paese africano dove pullulano giornali, radio FM e stazioni TV.
 
Il partito al potere non si e’ mai atteggiato a campione dei diritti umani, ma la situazione in questo campo divenne insostenibile all’inizio dell’ultima decada. Arresti arbitrari, imprigionamento senza accusa, torture sono all’ordine del giorno. I metodi di tortura sono stati rivelati da chi è stato liberato o è riuscito ad evadere. Si tratta di testimonianze raccolte nel paese o all’estero. Awate. com, sito dell’opposizione, parla di 12 metodi di tortura usati dal partito di Isaiah Afeworki: una tortura allo stile cinese riservata ai sospetti politici, ai dissidenti religiosi e ai giovani che tentano di fuggire dal paese.
La cosa peggiore è che non si sa dove vengano rinchiusi gli arrestati, per cui familiari e amici non possono contattarli nemmeno in caso di malattia o d’altre necessità. Non possono difendersi ne’ avere un avvocato. Viene loro tolto ogni accesso al mondo esterno. A chi è accusato di crimini comuni può anche essere permesso di incontrare i propri famigliari, ma mai ai prigionieri politici.
 
Ci sono centinaia di agenti segreti che operano nel paese sotto la direzione di Abraham Kassa, membro influente del politburo. Come uno arriva nel paese, familiari e amici lo mettono in guardia dal parlare della situazione con qualsiasi persona. La paura dell’arresto è il sentimento predominante. Vengono incarcerati e multati di $2500 anche i genitori di giovani che fuggono dal paese. E, con un salario mensile di $20, questi non potranno mai pagare. In questo caso uno dei genitori viene arrestato e alla famiglia viene negata la razione mensile di alimenti, l’uso del telefono, il passaporto, il documento di viaggio, ecc.
 
Il governo attuale e’ riuscito ad isolare il paese dal resto del mondo. I rari turisti non possono circolare per il paese senza un permesso. Vaste zone, soprattutto nei pressi delle frontiere con l’Etiopia, sono chiuse agli stranieri. Non ci sono i giornalisti stranieri che risiedano nel paese. Nel novembre scorso, il mondo ricevette come uno shoc l’espulsione di 13 missionari cattolici, religiosi che avevano insegnato nelle scuole, nutrito e curato la gente per molti anni. La loro presenza fu percepita come una minaccia per il governo. La ragione ufficiale fu che scadeva il permesso di soggiorno. Ma tutti sanno che fu una mossa per isolare e neutralizzare la chiesa cattolica, che ha un potere effettivo e una voce libera e chiara. Il governo favorisce le chiese nazionali, che non hanno legami esterni e si sente minacciato dalla Chiese che hanno contatti esterni come lo è il Vaticano per i cattolici.
(…) La carta d’identità non basta nemmeno per spostarsi all’interno del paese. “Siamo prigionieri in casa nostra”, mi disse una signora. Le vittime di questa realtà sono soprattutto i giovani che sono confinati nei campi, nei collegi militari o nelle loro famiglie. Il governo vuole sapere dove si trovano. Non hanno libertà di movimento.

 ordigni eritrea

 Ordigni ritrovati sul territorio eritreo dopo il conflitto con l’Etiopia. Le tensioni con Addis Abeba restano alte.

Ecco l’assurda realtà di ogni eritreo. Il governo si nasconde dietro la scusa del “conflitto di confine con l’Etiopia” e della politica pro-etiopica degli Stati Uniti. Ripete che occorre pazienza perché la causa delle difficoltà attuali sta appunto in questo conflitto. Ma la retorica è troppo ovvia. Il popolo intuisce che le vere cause stanno nell’agenda segreta del partito. Ma ciò che più offende la gente sono le altisonanti dichiarazioni e interviste del presidente e di alti funzionari del partito che sostengono che il paese è prospero e il futuro roseo.

Arrivano perfino a dire che l’Eritrea sta raggiungendo l’autosufficienza alimentare, mentre al popolo manca di pane e dei prodotti di prima necessità.
 
Larghe porzioni del paese hanno visto il governo razziare granturco, sorgo, frumento, con la promessa di un rimborso in denaro o in mashella, durra. Che io sappia nessuno è stato rimborsato. Nei pressi di Keren la gente non poteva vendere liberamente al mercato prodotti come arachidi e sesamo. Il tutto veniva comperato dal governo a metà prezzo. Per questo gli anziani definirono il governo di Afeworki shifta, bandito.
(…)
 
E’ legittimo questo governo?
 
Questo governo non e’ mai stato eletto. Il popolo fu invitato a votare solo in occasione del referendum per l’indipendenza nel 1993. Da allora non è stata organizzata nessuna elezione politica. Fu il partito a eleggere il presidente Isaiah non il popolo.
Ha ragione quindi la gente di concludere che questo governo non ha legalità ne giuridica ne morale.
Dopo l’indipendenza, la pressione per costruire un paese democratico, tenere libere elezioni con sistema multipartitico obbligarono il partito a creare la Commissione Costituzionale che nel 1997 stese una Costituzione moderna e apprezzata. Ma con la scusa la guerra di confine con l’Etiopia questa costituzione è rimasta lettera morta. E con questo si raggiunse il colmo della contraddizione: poco a poco il potere legislativo eletto dal popolo fu eliminato ed oggi in Eritrea il potere legislativo, esecutivo e giudiziario sono un tutt’uno.
 
Importanti affermazioni della costituzione, mai ratificata, danno risposta alla domanda.
Il Paragrafo 8 afferma: “Noi, popolo eritreo… desideriamo che la costituzione che stiamo adottando possa divenire un’alleanza tra noi e il governo che verrà formato secondo la nostra libera volontà. Essa dovrà servire come mezzo per governare in armonia questa e le generazioni future e per creare una giustizia e una pace che siano fondate sulla democrazia, l’unita’ nazionale e la legge”. A questo si aggiunge quanto dichiara il Paragrafo 9: “Oggi 23 maggio 1997, data storica, dopo una partecipazione popolare attiva e l’opera dell’Assemblea Costituente, approviamo e ratifichiamo solennemente questa Costituzione, legge fondamentale del nostro Sovrano e Indipendente Stato dell’Eritrea”.
 
Infine due articoli dichiarano implicitamente l’illegittimità del governo e dello stesso Isaiah Afeworki. “La costituzione proclama i principi su cui lo stato e’ basato e da cui sarà guidato e determina l’organizzazione e l’azione del governo. E’ la sorgente della legittimità governativa…” (N° 2.2). “Questa costituzione e’ la legge suprema del paese e la fonte di tutte le leggi dello Stato, e tutte le leggi, ordini e atti contrari alla lettera e al suo spirito devono esser considerate senza valore legale” (N° 2.3).
 
(…) Se il partito al potere credesse nella costituzione ne rispetterebbe almeno lo spirito.
Esperti di legge internazionale e di scienze politiche, inoltre, affermano che l’attuale governo dell’Eritrea si è messo automaticamente fuori dalla legge per i numerosi abusi commessi contro i diritti umani. La awate.com, web site  dell’opposizione, ha redatto una lista di individui “ricercati” nell’Eritrea del dopo Isaiah. Sono persone che dovranno rispondere per crimini contro l’umanità, primo fra tutti lo stesso presidente. Se ne parla oramai anche tra la gente. Gli anziani, stanchi di questo governo, parlano di un tribunale popolare, secondo la cultura del paese, per tutti coloro che hanno inflitto grandi sofferenze al paese. Tutti s’aspettano che questa situazione di paura, oppressione e dittatura d’un despota finisca e già si parla e si pianifica il dopo Isaiah.
 
   
 
Posted in LegacyPosts |

Partner e Sostenitori

    Horizontal Slideshow