• ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

  • ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

ASPER

Associazione per la Tutela dei Diritti Umani del Popolo Eritreo

-

INCONTRO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ROMANO PRODI CON ISAYAS AFEWERKI

il "Coordinamento Italiano per la Pace, la Democrazia e i Diritti Umani in Eritrea"

chiede, con una lettera al Presidente del Consiglio Prodi, quali azioni il Governo italiano, impegnato positivamente a livello internazionale nella ricerca di pace e sviluppo per i popoli, intenda attuare per dare giusta voce alle forze di opposizione eritree ed alle associazioni che da tempo denunciano le ripetute violazioni dei più elementari diritti umani e civili.
Le organizzazioni firmatarie della presente, richiedono inoltre di essere ascoltate come testimoni sulla realtà politica e sociale dell’Eritrea, ritenendo di poter offrire un contributo di conoscenza e di analisi della realtà di quel Paese, e di quelle del Corno d’Africa in cui l’Eritrea è coinvolta.

Lettera al Presidente del Consiglio Romano Prodi

Lettera al Viceministro degli Affari Esteri Patrizia Sentinelli
Lettera al Sen. Francesco Martone
Lettera al Sen. Lamberto Dini
Lettera all’On. Sabina Siniscalchi

 

Organizzazioni firmatarie:

A.H.C.S – Agenzia Habeshia per laCooperazione allo Sviluppo (Roma)
A.I.E.I. – Associazione Immigrati Eritrei in Italia (Milano)
ARCI Corvetto – Associazione Nazionale di promozione sociale (Milano)
ASPER – Associazione per la tutela dei diritti umani del Popolo Eritreo (Napoli)
C.C.D.E.I. – Coordinamento Democratici Eritrei in Italia (Milano)
Mossob – Comitato Italiano per un’Eritrea democratica (Milano)

e iL P.D.E. Associazione per il Partito Democratico Eritreo in Italia, organizzazione politica dell’opposizione eritrea in diaspora (Milano)

Posted in LegacyPosts |

Partner e Sostenitori

    Horizontal Slideshow