• ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

  • ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

ASPER

Associazione per la Tutela dei Diritti Umani del Popolo Eritreo

-

APPELLO DI AMNESTY INTERNATIONAL – Arrestati 500 parenti di disertori

AMNESTY INTERNATIONAL
Dichiarazione pubblica        
21 dicembre 2006

Eritrea: arrestati 500 parenti di disertori*

Il governo eritreo, facendo ricorso a misure di punizione collettiva, ha arrestato più di 500 familiari, per la maggior parte genitori, di ragazzi e ragazze che hanno disertato l’esercito o si sono sottratti  alla leva. Amnesty International condanna con fermezza queste detenzioni arbitrarie. L’organizzazione chiede alle autorità eritree di rilasciare immediatamente queste persone o formalizzare accuse ben circoscritte per poi processarle, in tempi ragionevoli, in piena conformità con gli standard internazionali sul processo equo.

Quest’ondata di arresti è iniziata il 6 dicembre 2006 nella regione di Asmara, la capitale. Nessuna delle persone arrestate è stata accusata di un reato o condotta in tribunale entro le 48 ore previste dalla Costituzione e dalla legislazione dell’Eritrea. Le autorità hanno stabilito che i detenuti devono o convincere gli arruolati assenti a presentarsi all’appello o pagare una multa di 50.000 nafka (circa 1.200 US $). I parenti che non lo faranno saranno costretti a prestare sei mesi di servizio nell’esercito al posto dei loro familiari.

Il principio della responsabilità penale individuale, secondo il quale nessuno può essere passibile di sanzione per un atto di cui non è personalmente responsabile, è un principio fondamentale del diritto ripreso dalla legislazione internazionale sui diritti umani. Questi arresti violano tale principio e, in particolar modo, il diritto alla libertà e alla incolumità della persona e il diritto a non essere arbitrariamente arrestati e detenuti, riconosciuti dalla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (International Covenant on Civil and Political Rights = ICCPR) e dalla Carta Africana dei diritti umani e dei popoli, di cui l’Eritrea è stato parte.

Gli arresti rivelano l’accentuarsi da parte delle autorità eritree dell’impiego di sanzioni arbitrarie e punitive nei confronti della società civile, di gruppi religiosi e di difensori dei diritti umani.

Nove giornalisti che lavoravano per il servizio pubblico di comunicazione sono stati arrestati e otto di loro sono ancora detenuti ad Asmara sotto il controllo della polizia. In ottobre, sono stati arrestati più di 150 membri delle chiese evangeliche, portando così a più di 2.000 il numero delle persone incarcerate in Eritrea per il loro credo religioso. Tutti gli arrestati sono rimasti in detenzione in isolamento senza incriminazione né processo. Amnesty International li considera prigionieri di coscienza, incarcerati solo per aver svolto il proprio lavoro ed espresso le proprie convinzioni religiose in modo pacifico. Inoltre, questa diffusa repressione da parte dello Stato viola  gli impegni che obbligano l’Eritrea, Stato parte della Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR) e della Carta Africana dei diritti umani e dei popoli, al rispetto del diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di professione religiosa e del diritto alla libertà di espressione.

Situazione generale
Dopo la guerra tra l’Eritrea e l’Etiopia (1998 – 2000), migliaia di giovani uomini e  donne sono fuggiti dall’Eritrea per sottrarsi al servizio militare o dopo aver disertato l’esercito e hanno  cercato asilo in Sudan o in altri paesi. Il servizio militare nazionale, obbligatorio per tutti i cittadini di età compresa tra i 18 e i 40 anni, uomini e donne, è stato esteso a tempo indeterminato dagli originari 18 mesi previsti nel 1994. Consiste in un servizio militare attivo e in un lavoro alla costruzione di opere legate all’esercito. Il diritto all’obiezione di coscienza non è riconosciuto dalle autorità eritree. Vengono organizzate frequenti retate per catturare renitenti alla leva e disertori. La detenzione arbitraria e a tempo indeterminato, la tortura o altri maltrattamenti sono regolarmente utilizzati come punizione per la renitenza alla leva, la diserzione e per altri reati militari.
Le organizzazioni umanitarie internazionali non-governative (ONG) hanno incontrato sempre maggiori difficoltà nel portare avanti le loro attività a causa di provvedimenti presi dalle autorità eritree. Solo nel 2006, 11 organizzazioni sono state espulse dall’Eritrea e costrette a sospendere il loro lavoro nel paese.

Traduzione di Maria Teresa Vedana de Riz
Revisione di Annalisa Rosselli
Servizio Traduzioni della Sezione Italiana

Posted in LegacyPosts |

Partner e Sostenitori

    Horizontal Slideshow