• ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

  • ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

ASPER

Associazione per la Tutela dei Diritti Umani del Popolo Eritreo

-

28 ottobre 2010 – Napoli – UN DISCUTIBILE CONVEGNO SULL’ERITREA – Lettera aperta ed adesioni

E’ in corso una raccolta di firme di adesione a questa lettera aperta. Le adesioni possono essere inviate all’indirizzo e-mail asper.eritrea@gmail.com.

Grazie. Se ci date anche una mano a diffondere questo testo ve ne saremo assai grati.

 

Lettera aperta

Al Rettore dell’Università degli Studi Federico II di Napoli,  prof. Massimo Marrelli

Al Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Federico II di Napoli,

 prof. Raffaele Feola

 e  a chi di competenza.

Napoli, 28 ottobre 2010

L’Università degli Studi di Napoli Federico II, e la sua Facoltà di Scienze Politiche si macchiano di una grave offesa ai Diritti Umani del popolo eritreo, al rispetto tra gli uomini e alla memoria e ai valori di Altiero Spinelli, ospitando, nell’Aula a questi dedicata, il 29 ottobre 2010, il convegno “Eritrea – Esperienze italiane di cooperazione”. (il programma è pubblicato in www.erinit.com)

 

E’ cosa nota a chi si occupa di tali argomenti la gravità della situazione dell’Eritrea, Paese saccheggiato dalla violenza di una dittatura feroce che nega al suo popolo il diritto alla Costituzione, al Parlamento, al lavoro, alla sussistenza, all’istruzione, al dibattito politico, alla libertà di stampa e di pensiero, al culto. Oppositori, studenti, giornalisti, cittadini comuni sono privati della libertà, in gran parte dei casi ‘incommunicado’, senza alcuna possibilità di contatto con le famiglie o con organizzazioni umanitarie o con la Croce Rossa Internazionale, privi di capi d’accusa e di processo. La tortura fisica è regolarmente praticata. Un numero enorme di cittadini eritrei è costretto alla fuga in cerca di rifugio, gran parte di essi in Italia.

Il programma del convegno suddetto non offre alcuna possibilità di riflessione su questi temi, ignorando per di più l’espulsione dal Paese di quasi tutte le Organizzazioni Non Governative straniere di Cooperazione allo Sviluppo, di qualsiasi ispirazione esse fossero, con l’obiettivo di negare sempre di più i contatti della popolazione con l’esterno. La brochure del convegno affianca su un piano di collaborazione il Ministero degli Esteri della Repubblica Italiana all’analogo organismo eritreo e l’Università degli Studi Federico II alla analoga istituzione eritrea che è stata teatro della repressione del regime nei confronti degli studenti, e da allora chiusa. Si stabilisce, cioè, una situazione di colpevole complicità tra istituzioni non secondarie della Repubblica Italiana e le corrispondenti istituzioni (ammesso che possa essere considerata tale una università chiusa ormai da almeno otto anni) di un paese dittatoriale e violento. Con le approvazioni esplicite di Regione Campania, Consorzio Riviera Domizia, Banca di Credito Cooperativo del Garigliano, Lions Sessa Aurunca Litorale Domizio, e dei relatori.

Sono altresì note le frequenti relazioni che intercorrono tra il territorio italiano e il governo sanguinario dell’Eritrea, e i frequenti viaggi in Italia del dittatore Isayas Afwerki  e dei suoi collaboratori alla ricerca disperata di credito politico e di investimenti nel suo paese, dove la manodopera è assicurata a prezzi insignificanti dal lavoro forzato  a cui sono costretti i cittadini in stato di ferma militare a tempo indeterminato, impossibilitati a svolgere alcuna attività produttiva. Appaiono poi ‘discutibili’ sul piano accademico i contributi orientati alla mitizzazione nostalgica del passato coloniale e post-coloniale italiano in Eritrea, e false le dichiarazioni secondo cui tra i principali obiettivi della dittatura ci sia quello di garantire l’autosufficienza alimentare, mentre tutte le forze potenzialmente produttive  sono costrette alla leva militare e il Paese è ridotto alla fame.

Chiediamo che nell’Aula intitolata ad Altiero Spinelli si confermi il sostegno dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ai Diritti Umani, e si alzi ferma la condanna di istituzioni della Repubblica Italiana, degli studiosi e dei relatori nei confronti della dittatura eritrea.

dr.ssa Dania Avallone – ASPER, Napoli

prof. Giovanni Marco Cavallarin  MOSSOB, Milano

Agenzia HABESHIA, Roma

 

ADESIONI:

Paolo Scattoni – Professore Associato – Sapienza  – Università di Roma

Elsa Chyrum – HRCE (Human Right Concern Eritrea) – Londra

Desbele Mehari – EPDP (Eritrean People Democratic Party)

Paola La Rosa – Ass. Askausa – Lampedusa

Liliana Salvatori – Uff. Immigrazione Sinistra Ecologia e Libertà

Alessandro Paolo – Dottore in Relazioni Internazionali – Studente in Relazioni ed Istituzioni dell’Asia e dell ‘Africa

Patrizia Curiel – Ex Vice Preside Scuola Italiana di Asmara

Yohannes Zeremariam – ELF (Eritrean Liberation Front) Relazioni Estere

Pasquale De Sena – Ordinario di Diritto Internazionale – Facoltà di Giurisprudenza – Università degli Studi di Napoli

Maurizio Cimino – Photoreporter 

Andrea Bagnale – Operatore Culturale per il Cinema – 

Negassi – Paltock – Eritrea

Alessandra Valle – Comitato Pace e Disarmo -Napoli

Renato Briganti – Università degli Studi di Napoli – FedericoII

Micael Kidane – (A.S.G.D.E.) Associazione di Solidarietà per la Giustizia e la Democrazia in Eritrea

Pio Russo Krauss

Maria Grazia Palladino – Dott.ssa in Scienze Politiche

Alex Zanotelli – Missionario Comboniano

Felicetta Parisi – Medico Pediatra

Valentina Ripa – Università di Bari

Gaetano Fiore – Università degli Studi di Napoli Federico II

Piermario Puliti

Luigi Di Costanzo – Architetto – Napoli

Lorenzo Giroffi

Miriam Capobianco 

Sergio Esposito 

Elisa Bianchi

Giorgio Prister

Brunello Mantelli – Facoltà di Lettere e Filosofia – Università di Torino

Anna Maria  Bayron

Salvatore Manunza

Sergio Lambiase

Tommaso Wenner

Gennaro De Michele

Mirella Giai Via – Guida volontaria alle vecchie carceri di Torino

Valeria Klein

Marina Marini – Facoltà di medicina e chirurgia – Università diBologna

Gianni Carino

Gabriella Fumagalli – Vicaria I.C. di Bernareggio (M.B.)

Massimiliano Lopez – Rinascimento Europa

Manuela  Cantoni Camerini

Maria Paola Manfredini – Cormano

Mario Gritti – Brescia

Clara Benedini – Brescia

Francesca Manfredini – Milano

Andrea Bruscoli – Pisa

Ivana Torresani

Giovanna Perucci

Claudia Lavezzari

Ezio Pelino – Sulmona

Alessandro Zemella – Cinisello Balsamo (MI)

Mohamed Berhan Nureddin

Angelo Proserpio Saronno – Avvocato

Fabio Gibellino – Giornalista free lance

Mirella Belvisi – Consigliera di Italia Nostra – Roma

Elio Tocco – Istituto Mediterraneo di Studi Universitari

Mario Lana – Presidente Unione Forense per la Difesa dei Diritti Umani

Fabrizio Pelino – Sorgà VR

Amelia Beltramini – Capodirettore Focus

G. Sonja Liebhardt

Marco Lusena de Sarmiento

Ernesto Rossi – Milano

Joe Shammah

Marta Salvi

Angela Mancuso – Dipartimento Presidenza e Affari Legislativi e Giuridici

Lia Bandera –  Cric

Angelo Masetti – Napoli

Alessandro de Angelis – Firenze

Davide Loprinzi – Università di Milano

Adriana Spera

Adriana Perrotta Rabissi – Milano

Francesco Antonio Meneghetti – Saronno (Varese)

Antonella Casalino

Micaela Novo

Roberta Rodriguez – Studentessa di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali – Orientale – Napoli

Adriano Candrioli RM

Alfonso Costantino – Milano

Marcello Melani

Giorgia Cardini – Giornalista de L’Adige di Trento

Alessandra Lombardi – Giornalista freelance

Anna Tonella

Alberto Pierobon

Enzo Nocifora –  Università “Sapienza”di Roma – Dipartimento DiSS

Emma Di Vieto – Napoli

Carla Beretta

Bernardo Piemonte – Verona

Franco Bocchiddu

Valeria Pasquarelli – Saronno

Laura mezzanotte – Giornalista esperta di politica africana

Alessandra Durante

Giuliano Pastori

Mariantonietta Marotti

Fabia Del Giudice

Diego Simini

Franca Masera – Busto Arsizio

Rosaria Baldassarre

Claudio Vivenzo

Franco Vaccaneo

Scarampi Foundation

Patrizia Ottolenghi

Aura Zara–  Medico Anestesista

Giovanni Avallone – Medico Chirurgo

Alessandro Palmero

Giorgia Cardini

Lelio Bernardi – Roma

Giacomo Ferrari – Sindaco Comune di Terzorio(IM)

Marianna Cicala – Dott.ssa in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali

Raimondo Di Maio – Editore e libraio

Laura Carlotta – Gottlob

Chiara Negri

Maira Marzioni

Eugenio Grandinetti

Angelica Romano – Un Ponte per

Daniela Barilla– prof.ssa di discipline giuridico-economiche-avvocato

Consiglia Salvio – Rete Lilliput Napoli

Amalia Navoni – Coordinamento Nord Sud del mondo

Giorgio Habtemariam

Livia Ermini

Militezegga Zereiohanne Ghebremicael

Gabriele Milanetti – Studente in Università La Sapienza di Roma

Claudio Crimi -Roma

Antonio Palagiano . Parlamentare IDV

Maria Letizia Orio

Vittorio Moccia – Peacelink – Campania

Massimo Venturi Ferriolo

Carlo Macrì – Corriere della Sera

Alberto Pierobon

Padre Claudio Crimi – Macibombo Onlus

Enrico Marcora . vicepresidente Macibombo Onlus

Flavia Lepre – Napoli

Giacomo Ferrari – Sindaco del Comune di Terzorio (IM)

Donatella Calati – Legnano (MI)

Marco Pira

Paolo Pagani – Docente di Storia

Maria Vittoria Dehò – Docente di Storia

Cecilia Ghelli

Dora Palermo

Luciano Belli Paci

Sarino Luppino – Ingegnere – nato ad Asmara nel 1946

Mauro Lucentini – Corrispondente dagli USA della rivista ‘Affari Esteri’, giornalista e scrittore

T. Ytbarek  – Eritrean Civil Society Netherlands

Antonella Nestola

Elio Tocco – Istituto Mediterraneo di Studi Universitari

Alessandro Pizzi – Soriano del Cimino (VT)

Felice Cagliani

Riccardo Bottoni – Biblioteca INSMLI

Simone Neri Sernieri – Ordinario di Storia Contemporanea – Università di Siena

Rita Tripodi

Raul Toneatti –  Pisa

Fiorenza Coletti – Pisa

Giovanni Baggi

Micol Dell’Oro

Sergio Trematerra

Donatella Ianniti

Maria Teresa De Sanctis – Palermo

Antonio De Luca – Vicenza

 

 

 

 

 

 

 

 

Posted in LegacyPosts |

Partner e Sostenitori

    Horizontal Slideshow