• ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

  • ERITREA
    libera da
    codici a sbarre

ASPER

Associazione per la Tutela dei Diritti Umani del Popolo Eritreo

-

16 gennaio 2010 – Libia – HRW preoccupata per sorte richiedenti asilo Eritrei (Apcom)

Libia/ Hrw preoccupata per sorte richiedenti asilo eritrei

19:20 – ESTERI- 16 GEN 2010

 

Libia/ Hrw preoccupata per sorte richiedenti asilo eritrei

 

Tripoli ha permesso a personale eritreo di vederli
New York, 16 gen. (Apcom) – La Libia ha permesso a dipendenti dell’ambasciata di Eritrea di incontrare in prigione dei richiedenti asilo eritrei: lo ha affermato Human Rights Watch (Hrw) che teme che il personale diplomatico li costringa a ritornare nel loro Paese dove rischiano la tortura. “Le autorità libiche hanno autorizzato responsabili eritrei a incontrare clandestini eritrei, di cui numerosi richiedenti asilo detenuti in Libia”, indicava ieri in un comunicato l’organizzazione per la difesa dei diritti umani la cui sede è a New York. “Gli eritrei che cercano asilo per paura di persecuzioni nel loro Paese godono del diritto alla confidenzialità durante l’esame dei loro casi”, spiega Bill Frelick, direttore della politica dei rifugiati presso l’Hrw. “Invitando personale eritreo a incontrarli, e forse a intimidirli, in detenzione, la Libia viola gravemente i loro diritti d’asilo”, aggiunge. L’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) ha raccomandato ai governi che accolgono richiedenti asilo eritrei di non rimpatriarli perché rischiano l’arresto e la tortura nel loro Paese. Secondo l’Hrw, “nelle ultime due settimane, personale dell’ambasciata di Eritrea si è recato in diversi centri di detenzione per clandestini. Ha scattato foto dei detenuti e insieme a responsabili libici li ha costretti a riempire dei formulari”. I detenuti pensano che questi formulari serviranno alla loro deportazione, secondo Hrw. L’organizzazione afferma inoltre che degli eritrei del centro di detenzione di Sorman hanno riferito a inizio gennaio che coloro che rifiutavano di farsi fotografare venivano malmenati da guardie libiche. A metà gennaio, altri eritrei detenuti nei centri di Misratah e Garabule hanno detto che dei membri delle forze di sicurezza li avevano picchiati quando si erano rifiutati di riempire i formulari e minacciati di lasciarli senza cibo, sempre secondo Hrw. Nell’aprile 2009, il ministro della Giustizia libico Mustapha Mohamad Abdeljalil aveva dichiarato all’Ahrw che il suo Paese non avrebbe deportato né eritrei e né somali. “La Libia dovrebbe adottare una legge sul diritto d’asilo per proteggere i rifugiati”, afferma Hrw. “Dovrebbe firmare e ratificare la Convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951”. Con i suoi 1.770 chilometri di frontiere marittime, la Libia è un Paese di destinazione e di transito di clandestini provenienti dall’est e dal sud dell’Africa, verso Malta o Lampedusa. (con fonte Afp)
Copyright © Telecom Media News S.p.A. Tutti i diritti riservati
Posted in LegacyPosts |

Partner e Sostenitori

    Horizontal Slideshow